Gli Spettacoli


RESPIRE
Cie Circoncentrique


Il Respiro è il filo sottile che lega l’azione all’emozione e tesse la trama di questa performance da fiato sospeso.
Un’avventura circolare che coinvolgerà gli spettatori in un tornado acrobatico e poetico, accompagnato dalla musica dal vivo di un pianoforte che ispira il ritmo dello spettacolo e inspira energia e stupore.


AH, COM’È BELLO L’UOMO
Zenhir


Un uomo ed una donna attraversano l’evoluzione dell’essere umano negli ultimi secoli/anni/oggi.
E’ con un circo dipinto d’umano e di gioco che i due passano dall’homo primaris, nudo e puro, all’homo superlativis, schiavo della tecnologia.
Il terzo personaggio, onnisciente e cinico, si diverte della situazione: come un regista cosmico, dispensa preziosi regali e provoca i cambiamenti.


UN CLOWN NELLO SPAZIO
Juri the Cosmonaut


L’assenza di gravità, la lentezza, la solitudine, l’eroismo e la disperazione sono il combustibile che alimentano le situazioni di questo esploratore intergalattico dal cuore tenero e impavido. Un viaggio folle e bizzarro per un cosmonauta col naso rosso che smarrendo la strada tra le stelle ritrova sé stesso, un uomo che non ha mai smesso di sognare!


193 PROBLEMI
Laden Classe


Un esperimento sociale che prende forma dai problemi vissuti per davvero dalla compagnia, 193 per l’esattezza. Una lista di disagi dal sapore tragicomico per far sorridere e riflettere. Avventure amare e imprevisti a lieto fine, problemi futili e barriere umane: uno spettacolo che ad ogni replica oltrepassa le frontiere.


SPETTACOLARE CONFERENZA
Circo El Grito


Immaginate due punti nello spazio infinito della vostra immaginazione, uno lo chiamiamo “T” (teoria) e racchiude in sé la speculazione filosofica sul concetto di contemporaneo. L’altro punto lo chiamiamo “P” (prassi) ed è l’esibizione di un giocoliere, di un danzatore, di un musicista. Esattamente a metà tra i due punti immaginatene un terzo, lo chiamiamo “V” (vita) ed è il racconto di un circense contemporaneo fatta di viaggi, spettacoli e avventure narrati con incanto e maestria.


PANNI SPORCHI
Cie Rasoterra


Lei e lui sono piccoli, sono insieme bambini e adulti, saggi e folli a tratti teneri e violenti. Insieme al gioco, al riso e alle difficoltà del vivere, c’è un’eredità da smaltire legata alle ombre del passato. Un gioco pazzo e sensuale in un mondo che sta per finire. Il risultato è un affascinante affresco di situazioni, in un groviglio di dolcezza e crudeltà disarmanti.




PESADILLA
Piergiorgio Milano

La sezione della mente di un uomo comune è l’anfiteatro nel quale il protagonista precipita a poco a poco, intrappolato com’è nei suoi sogni, tentando disperatamente di rimanere sveglio. Sono le sue fantasie e i suoi fantasmi a prendere il sopravvento, ritrovandosi egli stesso a vestire i panni dello sfortunato eroe del circo immaginario nella sua testa. In un limbo sospeso tra insonnia, sonnambulismo e narcolessia Pesadilla ricalca le storture della vita moderna tra deformità quotidiane, impertinenze tecnologiche e frenesie urbane.